AIGA, AL VIMINALE L’INCONTRO CON IL SOTTOSEGRETARIO PRISCO PER FARE IL PUNTO SUL CONTRASTO ALLE VIOLENZE DOMESTICHE E DI GENERE

Nella prestigiosa cornice della sala Fermi, presso il Viminale, si è svolto nel pomeriggio di ieri l’evento “Il contrasto alle violenze domestiche e di genere. Evoluzione normativa e prospettive. Prevenzione, diritti e tutele” a conclusione del corso di formazione organizzato dal Dipartimento sulla violenza di genere della Fondazione AIGA T. Bucciarelli e patrocinato dall’AIGA.

I lavori sono stati aperti dall’On. Emanuele Prisco, Sottosegretario al Ministero dell’Interno, il quale, dopo aver affermato che la sinergia tra le istituzioni ed i professionisti è fondamentale per combattere la violenza di genere e diffondere nel tessuto sociale la cultura della prevenzione, ha evidenziato che, nel 2024, sono stati stanziati nuovi fondi per le vittime di violenza, anche al fine di istituire le “case rifugio” ed il “reddito di libertà”.

Con l’introduzione del Codice Rosso Rafforzato”, ha precisato il Sottosegretario, “le forze dell’ordine e la magistratura sono stati dotati di nuovi strumenti per la prevenzione e la repressione dei reati di genere”.

Nel corso dell’incontro è stato altresì evidenziato il preminente rilievo assunto, in tali circostanze, dagli aspetti psicologici che involgono le vittime e gli autori dei reati.

Anche grazie all’esame della criminologa Prof.ssa Simonetta Costa, sono state illustrate le diverse patologie che caratterizzano gli autori di reati di genere, offrendo una serie di spunti per poter interpretare i segnali delle violenze e le tipologie psichiatriche connesse.

Un fenomeno che, purtroppo, stando ai dati offerti dal Ministero ed esaminati dal Dott. Stefano Delfini, Dirigente Superiore della Polizia di Stato, riguarda anche i più giovani che troppo spesso vengono coinvolti quali vittime ed autori di gravi condotte.

In tale contesto le misure di prevenzione e sostegno messe in campo dal legislatore per contrastare tali fenomeni e favorire una risposta dello Stato più celere, rivestono un ruolo fondamentale.

Come ricordato dal Prefetto Dott. Felice Colombrino, Commissario Dirigente del Comitato di solidarietà per le vittime dei reati di tipo mafioso e dei reati intenzionali violenti, lo Stato ha previsto anche delle tutele risarcitorie a favore delle vittime primarie e secondarie della violenza di genere, nonché a favore degli orfani di femminicidio.

L’ obiettivo perseguito con il corso – dichiara il Presidente Nazionale dell’AIGA Avv. Carlo Foglieni è stato quello di formare gli avvocati affinché, nello svolgimento del proprio mandato, possano offrire agli assistiti una prestazione che sia in grado di coniugare diverse competenze nonché di conoscere, esaminare ed approfondire le diverse misure preventive e di tutela introdotte negli ultimi anni nel nostro ordinamento. L’AIGA continuerà dunque in questo percorso virtuoso, afferma il Presidente Foglieni, offrendo il proprio contributo non solo nel dialogo con le istituzioni ma anche nel contesto sociale, al fine di rafforzare la campagna di sensibilizzazione e contrasto alle violenze di genere”.

Roma 4 luglio 2024

Scarica allegato
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy