AIGA, bene l’approvazione del DDL Legittimo Impedimento degli Avvocati

L’Associazione Italiana Giovani Avvocati esprime soddisfazione per l’approvazione in Commissione Giustizia del Senato del DDL n. 729, d’iniziativa della Senatrice Erika Stefani, in materia di legittimo impedimento degli avvocati nel processo civile.

La proposta – che si pone in linea con le istanze dell’AIGA –  prevede la possibilità per gli avvocati e per le avvocate di chiedere la “restituzione in termini” nel caso in cui siano incorsi in decadenza per causa di un’improvvisa malattia o particolari condizioni di salute legate allo stato di gravidanza, per assistenza a figli, famigliari con disabilità o con grave patologia, esigenze improrogabili di cura della prole in età infantile o in età scolare che non consentano di delegare le funzioni nella gestione del proprio mandato. È prevista inoltre la possibilità, sempre per i medesimi motivi, di chiedere il rinvio dell’udienza.

L’approvazione del DDL rappresenta un importante passo per la tutela degli avvocati anche nella loro qualità di individui”, afferma il Presidente Nazionale Carlo Foglieni, il legittimo impedimento è infatti uno strumento di bilanciamento tra la difesa dei diritti dei cittadini e quelli personali dell’avvocato”.

L’Aiga, auspicando che l’iter di approvazione definitiva del disegno di legge n. 729 prosegua con celerità, continuerà a mantenere alta l’attenzione sul tema, facendosi promotrice in ogni sede delle iniziative necessarie alla tutela della classe forense, affinché la funzione costituzionale dell’ufficio di difensore venga sempre garantita anche attraverso la tutela della professione stessa.

Roma, 28 Giugno 2024

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy