UNIFORMITÀ DI INTERPRETAZIONE DELLA NORMA RELATIVA ALL’INTRODUZIONE DEL C.D. GREEN PASS PER ACCEDERE AGLI UFFICI GIUDIZIARI E RAFFORZAMENTO DEL PERSONALE DI CONTROLLO

L’AIGA (Associazione Italiana Giovani Avvocati), visto il D.L. 07 gennaio 2022 n. 1 con il quale, tra l’altro, è stato esteso l’obbligo di green pass per accedere agli Uffici Giudiziari a difensori, consulenti e periti, esprime l’urgente necessità di una interpretazione unica, su tutto il territorio nazionale, sul momento in cui tale disposizione debba intendersi in vigore e quindi applicabile.

Tale esigenza si rende necessaria perché il comma 1 dell’art. 3 dello stesso Decreto, in un primo momento prevede l’entrata in vigore della norma dal 20 gennaio 2022 (art. 3, comma 1 ter), mentre successivamente, lo stesso art. 3, modificando l’art. 9 sexies del D.L. 22/04/2021 n. 52, nulla dice circa il momento di inizio della sua applicazione; in questo senso, quindi, quest’ultima disposizione, come stabilito dall’art. 6 del medesimo Decreto, entrerà in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione.

È di queste ore la notizia che alcuni Uffici Giudiziari, fin dalla giornata di oggi, hanno chiesto di esibire il certificato verde Covid19, mentre altri, in base a quanto previsto dal comma 1 dell’art. 3, hanno scelto di rimandare ogni verifica a dopo il 20 gennaio.

Appare chiaro che tale libera interpretazione non fa altro che creare immotivate distinzioni tra i vari Uffici, il tutto in palese danno dell’attività dei difensori e dei diritti dei loro assistiti.

Si auspica, pertanto, una quanto mai celere nota esplicativa da parte del Legislatore che permetta di uniformare l’interpretazione del dettato normativo” ha dichiarato il Presidente Nazionale Avv. Francesco Paolo Perchinunno.

Vista la scelta operata con il Decreto Legge in esame, sembra quasi scontato prevedere che, dal momento della sua entrata in vigore, sarà necessario un importante rafforzamento del personale di controllo posto all’ingresso degli Uffici, in modo da permettere la regolare verifica dei requisiti per l’accesso senza creare assembramenti che possano risultare rischiosi e costituire una nuova difficoltà all’accesso per i soggetti interessati– osserva l’Avv. Giacomo Guidoni, Coordinatore Area Nord AIGA Nazionale.

In tale ottica, quindi, AIGA suggerisce che il personale di controllo e vigilanza venga immediatamente rafforzato ed aumentato al fine di permettere che l’attività di verifica del green pass possa avvenire con celerità e in completa sicurezza.

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy