URGENTE E NECESSARIA LA RIFORMA DELL’ACCESSO ALLA PROFESSIONE E L’INTRODUZIONE DELLA DOPPIA SESSIONE ANNUALE.

L’AIGA (Associazione Italiana Giovani Avvocati), all’esito della pubblicazione in G.U. del bando relativo all’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense – sessione 2021, ribadisce l’assoluta necessità di intervenire sull’impianto normativo che regola l’accesso alla professione.

Esemplificativa di tale esigenza è la grave situazione di disagio che sono costretti a vivere centinaia di praticanti impossibilitati ad accedere all’attuale sessione d’esame, per non aver conseguito la compiuta pratica entro il 10 novembre.

Sul punto, il richiamo all’art. 19 comma 4 del regio decreto-legge 27 novembre 1933 n. 1578 è da solo sufficiente a comprendere l’anacronismo di tale normativa, che, allo stato, impedisce di tenere conto degli eventi pandemici straordinari che hanno reso l’ultimo biennio un vero e proprio percorso ad ostacoli per lo svolgimento del tirocinio forense.

L’AIGA, pertanto, confida in una pronta valutazione, da parte del Governo e del Ministro della Giustizia, della necessità di riprendere i lavori di riforma della disciplina in oggetto.

Si darebbe seguito, in tal modo, alle proposte contenute nel DDL Miceli, tra le quali vengono in rilievo la possibilità di accedere all’esame portando a compimento la pratica entro i 30 giorni precedenti la data di inizio delle prove, nonché, in via ancor più fondamentale, l’introduzione una doppia sessione annuale.

Il Presidente Nazionale AIGA

Avv. Francesco Paolo Perchinunno

 

Il Coordinatore del Dipartimento di Accesso e M.U.R.

Avv. Roberto Scotti

 

La Coordinatrice della Consulta Nazionale dei Praticanti AIGA

Dott.ssa Giulia Pesce

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy